Condividi su facebook Condividi su linkedin Condividi su tweet Condividi su linkedin

 | IT  | EN 

News

Novità

Ricerca:


martedì 6 aprile 2021 R.N.O. Condividi su linkedin Condividi su tweet Condividi su linkedin Condividi su facebook

COMUNICATO STAMPA

Interreg MaltaNell’ambito del Programma INTERREG V-A ITALIA-MALTA 2014-2020 (call 02/19), giorno 16 aprile 2021 alle ore 10.30 si svolgerà l’incontro on line per il lancio e la presentazione del progetto FAST - Fight Alien Species Transborder, durante il quale saranno illustrati il contesto, le finalità e gli obiettivi del progetto.


Il progetto si inserisce nel quadro della strategia della Unione Europea rivolta al contrasto della perdita della biodiversità e del degrado degli ecosistemi, nonché al loro possibile ripristino all’interno del territorio dell’Unione.


Le invasioni biologiche sono il secondo più importante fattore di minaccia per la biodiversità e uno degli obiettivi di questa strategia è quello di contrastare l’introduzione e la naturalizzazione delle specie aliene invasive (IAS) e dei patogeni vegetali dannosi per le specie vegetali autoctone.
La problematica delle IAS deve essere affrontata su larga scala e con metodologie comuni e le zone transfrontaliere assumono particolare rilevanza per la maggiore facilità d’interscambio (aree ponte) e richiedono azioni urgenti.


Il progetto FAST, in piena coerenza con la strategia europea, si propone di contrastare l’introduzione, la naturalizzazione e la diffusione delle specie aliene invasive che arrecano danno alla biodiversità della Sicilia e dell’arcipelago maltese tramite: 1) il loro riconoscimento e la loro classificazione in scale di priorità; 2) il loro contenimento e/o eradicazione; 3) l’individuazione e la gestione dei pathways e dei veicoli di introduzione e diffusione; 4) l’elaborazione di linee guida e adozione di best practices, basandosi anche su 5) l’educazione e la comunicazione ambientale. Le attività di progetto avranno la durata di 30 mesi e si concluderanno nel maggio 2023.


Le azioni attive di contenimento/eradicazione e di rinaturazione saranno svolte all’interno di alcune aree protette (siti Natura 2000 e/o Riserve naturali siciliane): 1) Riserva Naturale Orientata “Oasi del Simeto” e 2) Riserva Naturale Orientata “Fiume Fiumefreddo” (Ente Gestore: Città Metropolitana di Catania); 3) Riserva Naturale Speciale Biologica “Macchia Foresta del Fiume Irminio” e 4) Riserva Naturale Orientata “Pineta di Vittoria” (Ente Gestore: Libero Consorzio Comunale di Ragusa);  5) L-Inhawi tal-Buskett u tal-Girgenti; 6) L-Inhawi tax-Xlendi u tà Wied Kantra e 7) Il-Maghluq ta' Marsaskala (Responsabile: Environment & Resources Authority - ERA).


La struttura del partenariato (Università di Catania, Ministry for Agriculture, Fisheries, Food and Animal Rights, University of Malta, Città Metropolitana di Catania, Libero Consorzio Comunale di Ragusa, con la partecipazione dell’Environment & Resources Authority (ERA) di Malta), consente di presidiare la qualità e l’efficacia delle soluzioni individuate sia sul piano delle metodologie che degli interventi di coinvolgimento e diffusione delle informazioni agli stakeholder e alla popolazione residente (Citizen Science). Un importante aspetto del progetto riguarda lo sviluppo di metodologie innovative e condivise, esportabili nel bacino del Mediterraneo.


Parteciperanno all’incontro: Prof. Francesco Priolo (Magnifico Rettore, Università di Catania), On. Dr. Anton Refalo (Ministro dell’Agricoltura, Pesca, Alimentazione e Diritti degli Animali, Malta); On. Dr. Aaron Farrugia (Ministro per l’Ambiente, il Cambiamento Climatico e la Pianificazione, Malta); On. Stefan Zrinzo (Segretario Parlamentare per i Fondi Europei); Prof. Ing. Saviour Zammit (Prorettore alla Ricerca e Trasferimento della Conoscenza, Università di Malta), Prof. Agatino Russo (Direttore, Dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente, Università di Catania), Dr. Salvo Pogliese (Sindaco Metropolitano, Città Metropolitana di Catania), Dr. Salvatore Piazza (Commissario straordinario, Libero Consorzio Comunale di Ragusa), Dr.ssa Maria Cristina Stimolo (Responsabile del programma INTERREG V-A Italia-Malta); Sig.ra Carmen Dalli (Direttore del Funds and Programmes Division, Malta).


Il progetto sarà illustrato nelle sue linee generali dal Prof. Giorgio Sabella, responsabile scientifico nella qualità di capofila (Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali, Università di Catania), mentre il coinvolgimento e le azioni che verranno messe in atto dai singoli partner saranno trattate dai responsabili scientifici delle varie istituzioni: Sig. Dennis Sciberras (Direttore Plant Protection, Ministero dell’Agricoltura, Pesca, Alimentazione e Diritti degli Animali, Malta); Prof. David Mifsud (Dipartimento di Scienze Rurali e Sistemi Alimentari, Università di Malta); Dr. Gaetano Torrisi (Ufficio Riserve Naturali, Città Metropolitana di Catania), Dr.ssa Maria Carolina Di Maio (Ufficio Riserve Naturali, Libero Consorzio Comunale di Ragusa), Sig. Darrin Stevens (Environment & Resources Authority, Malta).

Concluderà i lavori l’intervento del Prof. Gian Pietro Giusso del Galdo (Direttore del Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali dell’Università di Catania).
Modererà l’incontrò il prof. Oscar Lisi (Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali dell’Università di Catania), responsabile della comunicazione del progetto FAST.


L’evento è rivolto a: Autorità ambientali maltesi e italiane, addetti ai controlli doganali delle frontiere, enti gestori delle aree protette, enti di ricerca e tutte le categorie produttive che possono risentire negativamente dell’introduzione di specie aliene (es. agricoltori), studenti e docenti della scuola secondaria di secondo grado e dell’Università, associazioni ambientaliste, più in generale alla cittadinanza.


Per prenotarsi cliccare sul link: https://www.eventbrite.com/e/fast-fight-alien-species-transborder-evento-lancio-launch-event-tickets-149078829793

Per informazioni ed aggiornamenti sull’evento e sul progetto consultare il link alla pagina Facebook: https://www.facebook.com/Progetto-Interreg-Italia-Malta-FAST-Fight-Alien-Species-Transborder-102943165236717/

allegati alla News COMUNICATO STAMPA  Articoli:

1

Top

Pagine: 

01